Ampliati i requisiti del Bando MIC per i lavoratori dello spettacolo

workers-buyout-sgravio-contributivo
Cooperative e workers buyout: come ottenere lo sgravio contributivo
19 Luglio 2022
sicurezza lavoratori in nero
Sicurezza: il datore di lavoro è responsabile dei lavoratori in nero
28 Luglio 2022
Tempo di lettura: 2 minuti

La Direzione Generale Spettacolo ha ampliato i requisiti per accedere al bando Covid-19 per supportare i lavoratori dello spettacolo dal vivo e dei settori del cinema e dell’audiovisivo. Chi rientra nei nuovi requisiti può fare domanda fino alle ore 16.00 del 31 agosto.

Gli aggiornamenti al bando con indennità Covid-19 per i lavoratori dello spettacolo

Giovedì 21 luglio la Direzione Generale Spettacolo ha pubblicato il decreto 21 luglio 2022, rep. n. 719 emanato in attuazione del decreto ministeriale 20 luglio 2022, rep. n. 291, che modifica l’Avviso Pubblico 9 giugno 2022, rep. n. 236. Si tratta del bando è a favore dei lavoratori dello spettacolo dal vivo e dei settori del cinema e dell’audiovisivo (gruppi a, b e c).

Per il calcolo del contributo, valgono ancora le regole precedenti. L’indennità è pari all’80% del valore ottenuto moltiplicando la media delle retribuzioni imponibili ai fini del versamento dei contributi previdenziali per la media del numero di giornate di contribuzione versate o accreditate al Fondo pensione lavoratori dello spettacolo degli anni 2018, 2019 e 2021. Inoltre, il valore della media delle retribuzioni da utilizzare nel calcolo non potrà eccedere il doppio del minimale giornaliero contributivo stabilito annualmente.

Chi può fare domanda: i nuovi requisiti

L’aggiornamento dei requisiti per accedere al bando amplia la platea di lavoratori che possono presentare domanda di contributo. In particolare, i lavoratori devono avere i seguenti requisiti: 

  • essere residenti in Italia;
  • essere iscritti al Fondo pensioni lavoratori dello spettacolo;
  • avere un reddito riferito all’anno 2021 non superiore a 35.000 euro;
  • è necessario avere nel 2019 (e non più nel 2021) un reddito prevalente derivante da lavoro nello spettacolo assicurato al Fondo pensione lavoratori dello spettacolo;
  • non essere titolare di trattamento pensionistico diretto a carico di gestioni previdenziali obbligatorie.
  • potranno presentare la domanda di contributo anche coloro che al momento della presentazione della domanda percepiscono NASPI o l’indennità di assicurazione ALAS o FIS;
  • Si conferma che è necessario aver maturato in almeno uno degli anni 2018, 2019 o 2021 almeno 40 giornate versate nel Fondo pensioni lavoro spettacolo, mentre per attori audiovisivo (cod. 22) ne bastano 20;
  • l’avviso prevede anche che possano fare domanda non solo gli assicurati nel gruppo a) (cioè gli assunti a tempo determinato per specifici spettacoli) ma anche gli assicurati al gruppo b) e assunti a tempo indeterminato del gruppo c).

Come fare domanda

Coloro che hanno già presentato la domanda non devono presentarne una nuova. Mentre coloro che, grazie ai nuovi requisiti, possono fare domanda, devono presentare la richiesta per il contributo entro il 31 agosto 2022 alle ore 16.00.

I lavoratori possono presentare le domande unicamente in via telematica sulla piattaforma FUSonline. La piattaforma è accessibile:

Le credenziali di accesso alla piattaforma FUSonline saranno rilasciate al momento della registrazione sulla piattaforma. Se il lavoratore ha già presentato domanda tramite piattaforma, può usare le stesse credenziali.

Nella domanda, i soggetti dovranno riportare con autocertificazione:

  • il possesso dei requisiti sopra elencati;
  • il numero delle giornate di contribuzione versate o accreditate al Fondo pensione lavoratori dello spettacolo per ciascuno degli anni 2018, 2019 e 2021, che si può trovare sul portare INPS;
  • il documento di identità valido;
  • nel testo della mail bisogna inserire l’IBAN su cui accreditare il bonus e i recapiti telefonici ed e-mail del mittente.

Durante la fase di caricamento della domanda è possibile chiedere informazioni scrivendo all’indirizzo e-mail scritturatispettacolodalvivo@cultura.gov.it o all’Help Desk.