I Diritti sono uno Spettacolo: la campagna partita da Sanremo

DPCM misure spettacolo
Nuovo DPCM 2 marzo 2021: misure e ristori per il mondo dello spettacolo
3 Marzo 2021
Covid-19 spettacolo
Spettacolo: nel 2020 il Covid-19 è costato circa 13 miliardi di euro
8 Marzo 2021
Tempo di lettura: 2 minuti

La Fondazione Centro Studi Doc aderisce alla campagna I Diritti sono uno Spettacolo lanciata al Festival di Sanremo.

La campagna a Sanremo

Al Festival di Sanremo, gli artisti in gara e i loro ospiti, nella serata dedicata ai duetti, giovedì 4 marzo, hanno portato sul palco i simboli della campagna che vuole tenere alta l’attenzione su uno dei settori più penalizzati dagli effetti della pandemia.

Lo Stato Sociale, Emanuela Fanelli e Francesco Pannofino il 4 marzo a Sanremo hanno proposto la performance “Non è per sempre” e ricordato le difficoltà del mondo dello spettacolo.

La Fondazione Centro Studi Doc ha scelto di aderire alla campagna.

campagna diritti spettacolo

Il testo della campagna I Diritti sono uno Spettacolo

Lo spettacolo dal vivo è un settore che da tempo necessita di una riforma strutturale e di un cambio di percezione volto a riconoscerne il valore culturale, produttivo – in termini economici e occupazionali – e sociale – come elemento di aggregazione e presidio di città, province e periferie.

La pandemia è stata e continua ad essere per il settore culturale un acceleratore di consapevolezza: senza un intervento definitivo e il più possibile unitario, le conseguenze di questa crisi saranno drammatiche e avranno ricadute insostenibili sulla vita dei lavoratori, sulla salute dell’intero settore e sul PIL del nostro paese.

In questi lunghi mesi caratterizzati dallo stop forzato delle attività culturali abbiamo preso atto che teatri, cinema, sale da concerto e in generale gli spazi culturali, nonostante si siano dimostrati luoghi sicuri, sono costantemente considerati attività produttive sacrificabili.

Avvertiamo sempre più forte quanto questo settore abbia bisogno di essere compreso e considerato dalle istituzioni per poter ottenere un riconoscimento sociale e economico congruo a quanto produce.

È passato un anno. Non c’è più tempo. È tempo di agire.

www.idirittisonounospettacolo.it