INPS: come fare ricorso per le domande di indennità onnicomprensiva Covid-19

riapertura luoghi spettacolo
Tavolo permanente del Mibac: in vista la riapertura dei luoghi di spettacolo?
22 Febbraio 2021
lavoratori spettacolo
#nessunoescluso: un anno di battaglie per i lavoratori intermittenti e discontinui dello spettacolo
28 Febbraio 2021
Tempo di lettura: 1 minuto

L’INPS ha chiarito come fare ricorso per le domande di indennità onnicomprensiva da Covid-19. Le indicazioni riguardano anche i lavoratori dello spettacolo.

Chi può fare ricorso per l’indennità onnicomprensiva

L’INPS fornisce nel messaggio n. 734 del 2021 le indicazioni operative per il riesame delle istanze di rigetto delle domande dell’indennità onnicomprensiva Covid-19.

Per i lavoratori stagionali, somministrati e a tempo determinato dei settori del turismo e degli stabilimenti termali sarà verificata la titolarità di rapporto di lavoro dipendente. Il requisito dell’assenza di titolarità di un rapporto di lavoro deve essere verificato al 30 ottobre 2020 anziché al 29 ottobre 2020 (1 dicembre per l’indennità del D.L. n. 137/2020).

Per i lavoratori autonomi occasionali sarà verificata la titolarità di contratto autonomo occasionale in essere. Il requisito dell’assenza di titolarità di un rapporto di lavoro deve essere verificato al 30 ottobre 2020 anziché al 29 ottobre 2020 (1 dicembre per l’indennità del D.L. n. 137/2020).

Per l’erogazione dell’indennità in favore dei lavoratori dello spettacolo invece non è prevista alcuna verifica in merito alla titolarità di un rapporto di lavoro, indipendentemente dalla sua natura.

Come fare: la procedura da seguire

L’utente può inviare la documentazione:

  • attraverso il link “Esiti” nella stessa sezione del sito INPS in cui è stata presentata la domanda “Indennità 600/1000 euro”, per il tramite dell’apposita funzionalità che provvede a esporre i motivi di reiezione e consente di allegare i documenti richiesti per il riesame.
  • tramite mail all’indirizzo riesamebonus600.nomesede@inps.it, istituita per ogni Struttura territoriale INPS.

Il termine, non perentorio, per proporre riesame è di 20 giorni, a decorrere dal 19 febbraio 2021. Se il rifiuto è successivo al 19 febbraio, i 20 giorni decorrono dalla data di reiezione per consentire l’eventuale supplemento di istruttoria. Trascorsi i 20 giorni se l’interessato non ha prodotto utile documentazione la domanda verrà considerata respinta.

Contattaci
shares