Conquista di #nessunoescluso: indennità integrativa per lavoratori intermittenti dello spettacolo in Veneto

avviso-pubblico-indennità-spettacolo
Sardegna: l’avviso pubblico con indennità una tantum esclude gli intermittenti dello spettacolo
20 Gennaio 2021
vaccino e rapporti di lavoro
Vaccino e rapporti di lavoro: stiamo andando verso l’obbligo?
3 Febbraio 2021
Tempo di lettura: 1 minuto

Un’altra conquista della petizione #nessunoescluso, anche grazie al supporto di Legacoop Veneto: i lavoratori intermittenti che erano stati esclusi dei primi bonus dello spettacolo otterranno un assegno integrativo anche dalla Regione Veneto.

Il Veneto integra le indennità per gli intermittenti dello spettacolo

L’INPS, con il Messaggio n. 375 del 28 gennaio 2021, comunica che la delibera del Consiglio di Amministrazione n. 94 del 9 dicembre 2020 ha aggiornato l’Addendum dell’Accordo tra l’Istituto di previdenza e la Regione Veneto.

Nell’accordo è previsto che l’INPS procederà, per conto della Regione, a pagare un importo individuale pari a 1.000 euro a favore dei lavoratori intermittenti iscritti al Fondo pensioni Lavoratori dello spettacolo. I lavoratori devono ovviamente essere residenti nella Regione del Veneto.

Riceveranno l’indennità i lavoratori intermittenti dello spettacolo del Veneto che hanno già beneficiato delle misure nazionali erogate dall’INPS. I requisiti sono quelli previsti all’articolo 84, comma 8, lettera b), del DL n. 34/2020, cioè il cosiddetto Decreto Rilancio, convertito con modificazioni dalla Legge n. 77/2020.

Contattaci
shares