Smart working al tempo del Coronavirus

Inps ammortizzatori sociali
Accordi stipulati sulla cassa integrazione in deroga dalle Regioni Veneto ed Emilia-Romagna
12 Marzo 2020
Inps ammortizzatori sociali
Proroga versamenti Inps per le aziende turistiche
14 Marzo 2020
Tempo di lettura: 2 minuti

Al fine di limitare il più possibile gli spostamenti sul territorio in base al DPCM del 25.2.2020 lo smart working, il Lavoro Agile, può essere applicato a ogni rapporto di lavoro subordinato, anche in assenza degli accordi individuali normalmente previsti, per tutti quei lavoratori che, per le mansioni e le attività cui sono adibiti, possono lavorare da remoto.

Il DCPM 12 marzo 2020 art. 1 comma 7 in ordine alle attività produttive e alle attività professionali raccomanda che: «sia attuato il massimo utilizzo da parte delle imprese di modalità di lavoro agile per le attività che possono essere svolte al proprio domicilio o in modalità a distanza». Qui il link al decreto: http://www.governo.it/it/articolo/coronavirus-conte-firma-il-dpcm-11-marzo-2020/14299

Informativa sullo smart working

Gli obblighi di informativa sulla sicurezza dei lavoratori in smart working di cui all’art. 22 della L. n. 81/2017 sono assolti in via telematica anche ricorrendo alla documentazione resa disponibile dall’INAIL.

Per questo, di seguito:

  • Un opuscolo informativo sul lavoro agile.
  • Un format di contratto tra azienda e lavoratore per chi volesse comunque regolamentare;
  • L’informativa predisposta per l’occasione dall’Inail da consegnare ai lavoratori agili.

Webinar gratuito sul lavoro agile

Venerdì 13 marzo dalle ore 14.30 alle 16.00 in programma il Webinar gratuito Covid-19: Smart Working, sospensione delle attività ed ammortizzatori sociali.

Dottrina Per il Lavoro, organizza un webinar gratuito per fornire i chiarimenti circa l’attivazione e la gestione del lavoro agile, in questo periodo di emergenza da COVID-19.

Coordinatore
Salvatore Vigorini – presidente Centro Studi Incontra

Relatori
– Massimo Braghin – Consulente del lavoro, Consigliere Nazionale ordine CdL ed esperto Fondazione Studi CdL;
– Roberto Camera – esperto di diritto del lavoro;
– Paolo Stern – Consulente del Lavoro e presidente Nexumstp Spa.

Qui il link: https://www.illavorocontinua.it.

Contributo a Fondo Perduto per Smart Working di Regione Lombardia

La Regione Lombardia promuove un bando per supportare il lavoro agile nelle imprese lombarde un modello organizzativo che consente una maggiore flessibilità per quanto riguarda il luogo e i tempi di lavoro. 

Adottare piani di smart working consente di incrementare la produttività e aumentare il benessere di lavoratori e lavoratrici.

Regione Lombardia

L’Avviso è rivolto ai datori di lavoro, iscritti alla Camera di Commercio o in possesso di partita IVA, con almeno 3 dipendenti e prevede due tipologie di azioni:

  • Azione A: servizi di consulenza e formazione finalizzati all’adozione di un piano di lavoro agile con relativo accordo aziendale o regolamento aziendale approvato e pubblicizzato nella bacheca e nella intranet aziendale. 
  • Azione B: acquisto di “strumenti tecnologici” per l’attuazione del piano di lavoro agile.

La dotazione finanziaria è pari a 4.500.000,00 euro ed è concessa a fondo perduto sotto forma di voucher aziendale destinato ai soggetti in possesso dei requisiti. Il valore del voucher varia in relazione al numero di dipendenti delle sedi operative/unità produttive attive e localizzate sul territorio di Regione Lombardia alla data di accettazione del finanziamento ed è fruibile all’interno di massimali. Le domande potranno essere presentate a partire dal 2 aprile 2020 fino al 15 dicembre 2021.

Contattaci
shares