Coronavirus: Appello per il supporto urgente alle imprese dello spettacolo

Coronavirus: Appello per la tutela del lavoro nello spettacolo
27 Febbraio 2020
decreto legge straordinario
Coronavirus: il decreto legge straordinario dimentica lo spettacolo
4 Marzo 2020
Tempo di lettura: 3 minuti

La Fondazione Centro Studi Doc lancia un appello per supportare urgentemente le attività delle imprese del mondo dello spettacolo. L’appello è indirizzato al Ministero per i Beni e le Attività Culturali e Turismo e al Ministero dello Sviluppo Economico.

L’appello per le imprese dello spettacolo

Continua a crescere il numero degli spettacoli che vengono annullati o rinviati a causa dell’emergenza del Coronavirus. Questa situazione si sta verificando non solo nelle zone rossa e gialla, ma in tutto il territorio italiano. Inoltre, sta già superando di gran lunga i mesi di marzo e aprile.

Questa è una situazione drammatica che sta mettendo in ginocchio tutti i lavoratori dello spettacolo dal vivo, cultura e creatività con le loro famiglie. Per sostenere i lavoratori dello spettacolo è fondamentale anche preservare l’attività delle imprese del settore.

Chiediamo pertanto un sostegno adeguato anche per le organizzazioni e imprese dello spettacolo, perché purtroppo fino a oggi si vede una concentrazione di aiuti solo per alcuni settori, come quello del turismo e dei beneficiari del FUS.

Le imprese per le quali chiediamo supporto rappresentano infatti gli interessi di decine di migliaia di lavoratori del mondo dello spettacolo che non lavorano per organizzazioni finanziate dal FUS ma che tutte contribuiscono a rendere più grande, più ricco e più bello il nostro Paese. 

Riportiamo di seguito le richieste più urgenti per affrontare questa crisi, da riferire a tutto il territorio nazionale ben oltre le zone indicate dal D.P.C.M. 25.02.2020 e a tutte le imprese dello spettacolo, beneficiarie o meno del FUS:

  1. Chiediamo che, così come già previsto per il settore turismo, anche per le imprese dello spettacolo, beneficiarie o meno del FUS, siano sospesi i versamenti delle imposte, delle ritenute e degli adempimenti tributari in scadenza nel periodo compreso dal 23 febbraio al 30 aprile. 
  2. Chiediamo la sospensione anche delle cartelle di pagamento emesse dagli agenti della riscossione e quelli conseguenti ad accertamenti esecutivi.
  3. Chiediamo la proroga dei versamenti IVA relativi alle fatture non incassate dai committenti. 
  4. Chiediamo la definizione di misure di emergenza per l’accesso agevolato al credito e la sospensione del pagamento delle rate dei mutui per un periodo coincidente col perdurare della crisi.
  5. Chiediamo l’attivazione della Cassa Integrazione in Deroga attraverso uno specifico Decreto Legge che ne renda fruibile l’accesso a tutti i settori colpiti dalla crisi.

I sostenitori dell’appello per le imprese dello spettacolo

Sostengono l’appello per le imprese del mondo dello spettacolo:

Alleanza delle Cooperative Italiane Cultura Turismo Comunicazione (Legacoop CulTurMedia, Confcooperative Cultura Turismo e Sport e Agci Culturalia).

Le cooperative di spettacolo, creatività e cultura della rete Doc Net, Doc Servizi, Doc Educational, Doc Creativity, Doc Live, STEA, Hypernova, Freecom. Le cooperative di tecnici dello spettacolo della rete Show Net, Techne, Tempi Tecnici, AMS Coop, fasolmusic.coop, NRGcoop, CreaStage, Crewroom. Le cooperative pugliesi La Piccionaia, Radici Future, Teatro Koreja, Teatro Abeliano, PazLab, Cool Club, 29nove, Museion, comunità cooperativa Melpignano, 34°fuso, Swapmuseum, Experience, Polo Biblioteca Murale Lecce, Museo Castromediano Lecce. Le cooperative di spettacolo Skeldon, EasyShow, Zenart e Smart.

Le associazioni Arci Nazionale, Sos Musicisti, Assolirica, Audiocoop, l’associazione jazzisti MEDJ, Federazione Nazionale Il Jazz Italiano (FIJI), Indie Pride APS, l’Associazione di Promozione Sociale Alchechengi, l’associazione italiana artisti AIA, Rete dei Festival, Associazione Etre. Il gruppo Adotta un fonico.

Gli studi legali Note Legali e Sintonia e lo Studio Metis di consulenza del lavoro.

L’associazione di categoria KeepOn Live con i live club e festival italiani: Fabbrica 102, YellowSquare, Deliri Cafè Bistrot, I candelai, The Family, Treesessanta, Ohibò, Anche Cinema, Chroma, Cinzella Festival, gARTen Festival, Indiegeno Festival, Musica da Bere, Musicastrada, Owl Night Festival, Giovenale 54 SRL, Na Cosetta, Officine Meca, L&M Cibo per la mente, Santeria, Morgana Music SRL, Lebowski, New Age, Cas’Aupa, The Alibi, Linea Gotica, POP – CAP 10100, Latteria Molloy, Karemaski, Diagonal, Tirabusciò, Eremo, Demode, Fight Pub, Ottobit, Sparwasser, L’Asino Che Vola, OFF Topic, Diavolo Rosso, Mono, Reset FESTIVAL, Godness, Il covo, The Cage, Eco Sound Fest, Farcisentire Festival, Rock Caravan – Ass. Territorio Dansa, Giovinazzo Rock Festival – Ass. Tressett Circolo, Arci, Indievisibile, Live Rock Festival – Ass. Piranha, Murgiafest – Ass. Stand by (Officine Stand By), Musaic ON, Pinewood Festival – Ass. Coppito nel cuore e nell’anima, Pollino Music Festival, Riverock, Rocketta Summer Live, Suoni di Marca, Woodoo Festival, Albori Ateneika, Nuove Impressioni NIM, Balla coi Cinghiali, Spazio Polaresco, BIG MAFF SRLS, Sub Cult Fest, B-Alternative, Restanza Fest/Caffè Roma 52.

Le agenzie e gli organizzatori di eventi Noodles Eventi, Harley Rock Crew. Le scuole di musica Music Academy, LPEB. Le etichette indipendenti e associazioni di etichette indipenti ADEIDJ, Wall Records Torino, MEI – Meeting delle Etichette Indipendenti. Gli uffici stampa musicali Sfera Cubica e Clasy Comunicazione.

Ci sono anche migliaia di persone che hanno scelto di sostenere la campagna anche a livello individuale.

Contattaci
shares