Riders? La soluzione è nella cooperazione

Le piattaforme digitali e le sfide della cooperazione al 40° Congresso Legacoop
18 Aprile 2019
Doc Servizi si racconta all’edizione 2019 del Salone Internazionale del Libro di Torino
10 Maggio 2019
riders soluzione cooperazione
Tempo di lettura: 1 minuto

Dopo le richieste che hanno fatto i riders il 1° maggio per una regolamentazione che li tuteli, Marco Procopio su Il Fatto Quotidiano racconta che la cooperazione può essere una soluzione per difendere e tutelare i lavoratori della gig economy, inclusi i ciclofattorini.

Le sperimentazioni cooperative in Europa

In Europa ci sono state sperimentazioni. Un esempio è quella portata avanti per alcuni anni dalla cooperativa belga Smart Belgique, che ha supportato i ciclofattorini inquadrandoli come dipendenti.

A seguire in Francia è nata nel 2016 la cooperativa CoopCycle che mette a disposizione di cooperative di consegne in bicicletta un’applicazione per gestire le consegne.

Come funziona in Italia?

Esistono già cooperative che operano in settori del lavoro flessibile, come lo spettacolo: “Basterebbe inquadrare i rider con una legge già esistente, quella sul lavoro intermittente”, spiega Demetrio Chiappa, presidente di Doc Servizi, in questo modo “i rider potrebbero unirsi in una coop e sostituirsi ai big del food delivery riappropriandosi del proprio lavoro. O, in alternativa, avviare un dialogo e trovare un accordo su compensi e tutele”. 

Un modello di riferimento può essere quello delle CAE, Cooperative di Attività e di Impiego, già normate in Francia, di cui un esempio è la parigina Coopaname

Clicca qui per leggere l’articolo per intero.

Contattaci
shares